Iperpaesaggi

Home > Panoramiche > Lavori di maturità 2021 > La metamorfosi di Torricella-Taverne, il comune sulla strada > Castel Trefogli

Castel Trefogli

domenica 31 ottobre 2021, di Leonard Petrocchi

Il Castello di Torricella è senza dubbio un edificio architettonicamente piacevole ed elegante alla vista, situato a sud del nucleo di Torricella , e della chiesa. Ma com’è sorto? l’area sulla quale esso sorge era già nel 1700 occupata dalla famiglia Trefogli, e al tempo ospitava strutture abitative, stalle e fienili conosciute collettivamente come "i Chiosi". Al tempo i Trefogli erano persone popolari tra la gente comune e influenti in tanti campi. Tra loro vi erano famosi artisti, scultori e architetti, notai e avvocati.

Nel 1838 nasce Michele Trefogli, il quale nel 1860 emigra in Perù dopo aver concluso i suoi studi. Formatosi a Milano come architetto, Michele si guadagnò nel paese sudamericano il titolo di “Architetto di Stato” e le sue opere più famose sono la canalizzazione della città di Lima e la costruzione e progettazione di un penitenziario cittadino, sempre nella capitale peruviana.
Nonostante il successo oltreoceano, egli faceva periodiche visite in patria e si ritrovava sempre più insoddisfatto dell’aspetto della casa in cui era cresciuto. Iniziò a progettare una serie di modifiche al suo aspetto, le quali iniziarono nel 1900 e terminarono dieci anni dopo.
Il cambiamento più notevole è stata la costruzione del torrione esagonale che si vede in foto. Viene inoltre ingrandita la parte centrale abitativa e viene aggiunta un’elegante scalinata, come si può vedere nella foto. Negli scritti viene messa particolare enfasi sull’ampliazione delle finestre, che sono rivolte verso est, per far entrare ancora più luce.

Le modifiche e ristrutturazioni non sono state solo esterne e di natura architettonica. Parte degli interni fu dipinta e ristrutturata da Marco Antonio Trefogli (1782-1854), padre di Michele, che era decoratore e lavorò in diverse corti del Nord Italia. Alcuni affreschi che furono fatti in passato stanno venendo ancora oggi ristrutturati da studenti della SUPSI, mentre nel corso degli anni sono state fatte aggiunte decorative, quali foto storiche, antichi mobili restaurati di proprietà famigliare e trofei di caccia.
Con il nuovo e maestoso aspetto della residenza dei Trefogli, gli abitanti di Torricella e dei paesi vicini iniziano a riferirsi ad essa colloquialmente come “Castello di Torricella” o “Castel Trefogli”, con le loro varianti dialettali. Con già presente un grande vigneto intorno al castello, viene creato un parco dall’altro lato della strada in salita che si vede nella foto.

PNG - 519.6 Kb
Castel Trefogli alla fine dei lavori

Il parco, nonostante le modifiche nel corso degli anni è ancora presente oggigiorno. La sua gestione e manutenzione è a cura del Comitato Parco del Castello, del quale fanno parte anche i più giovani discendenti Trefogli, Marco e Michele. È da notare l’Associazione Michele Trefogli, che si occupa del mantenimento del castello insieme al vigneto, ha sede principale a Torricella ma ne fanno parte anche alcuni discendenti dell’architetto Trefogli a Lima. Quest’associazione non solo si occupa del castello, del parco e del vigneto, ma di altri stabili di proprietà famigliare come la villetta affianco al municipio e il casale vicino all’interno del nucleo di Taverne.

Una delle sfide più recenti affrontata dall’associazione è stato l’incendio del 2003, che ha bruciato uno degli stabili vicini alla residenza e la vigna, dove fino allora era gestita l’osteria di famiglia “ai Ciòs”. In seguito all’incendio, si è notato che l’antico splendore della tenuta stava svanendo. Iniziarono quindi lavori di ricostruzione e ristrutturazione alla vecchia osteria per trasformarla in spazio abitativo e venne reso aperto al pubblico il parco, dove oggi si tengono eventi popolari come la Festa di Primavera e la Castagnata, ma anche celebrazioni private come compleanni e matrimoni.
La vigna, che prima forniva il vino all’osteria, adesso lo fa per il ristorante Motto del Gallo, che in suo onore produce un vino chiamato Castello di Torricella.
In conclusione, è evidente che in seguito alle modifiche a casa Trefogli e la realizzazione del castello tutto il comune di Torricella ne ha giovato e gli abitanti ne sono fieri. Il castello è infatti una delle attrazioni principali, proprio per la sua eleganza, le quali non sono aggettivi comunemente dati a piccoli comuni rurali. In passato più che adesso, era anche grande simbolo di ricchezza: la fama di Michele Trefogli gli aveva permesso di viaggiare fino in Perù, di iniziare lì una famiglia e di fare frequenti viaggi tra Lima e Torricella, mentre c’è da ricordare che all’inizio del secolo scorso, nonostante il miglioramento generale dell’aspettativa di vita, gran parte della popolazione era comune d’impiego contadino e non possedeva molto, specialmente in zone rurali.

Nato come casale di residenza, adesso il Castello è un luogo parzialmente aperto al pubblico, che serve a trasmettere la storia di una delle famiglie più influenti di Torricella e quindi di Torricella stessa. L’impegno da parte anche della Fondazione Trefogli e dell’Associazione Parco del Castello è importantissimo per assicurare che il castello, il parco e gli altri edifici appartenenti a questa famiglia vengano preservati. È vero che il Castello mette a disposizione alcune delle sue sale per piccoli eventi privati, ma è più popolare il parco più che l’edificio per via dello spazio più vasto aperto a tutti senza pagamento, e la possibilità di avere celebrazioni come quelle già elencate in precedenza. Il Castello è un edificio bello da ammirare e che ha un impatto positivo sul paesaggio, più che un luogo di comunità per la popolazione.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.

Iperpaesaggi è un concetto progettato e sviluppato dall'Institut d'Eco-Pédagogie e il Laboratoire de Méthodologie de la Géographie de l'ULg.
Sito realizzato da Robert Sebille.

You can choose your license or delete this article. It’s your choice.