Iperpaesaggi

Home > Panoramiche > Lavori di maturità 2021 > La metamorfosi di Torricella-Taverne, il comune sulla strada > Taverne Paese

Taverne Paese

domenica 31 ottobre 2021, di Leonard Petrocchi

Prima di analizzare il soggetto di Taverne Paese, intendo precisare una questione: ci si riferirà alle strade con i loro nomi moderni, scelta fatta per facilitare la comprensione del testo e l’uso di cartine stradali moderne per indicare il loro percorso. Inoltre, nonostante la strada cantonale non sia sempre stata chiamata in questo modo, io mi riferirò a essa con questo termine per evitare ridondanza e perifrasi inutili. Come ultima questione, per evitare confusioni è importante dire, a riguardo della cantonale, che se si viaggia in direzione nord la strada prende il nome di Via San Gottardo, mentre in direzione opposta si chiama Via Cantonale, almeno per il tatto che ci concerne. Verranno usati i diversi nomi in pertinenza con la direzione di viaggio e/o il luogo di immissione di altre strade.

PNG - 1015.5 Kb
Strade di Taverne

La zona è costruita intorno ad un importante crocevia composto da tre strade di storica importanza per il comune. La prima, Via Comunale, da Taverne Paese si dirige ad est in un percorso quasi rettilineo e piuttosto in salita, terminando alla Vignascia. Questa strada è il collegamento più diretto tra Taverne e Torricella bassa, ed un tempo passava in mezzo ai campi e faceva da importante via agricola. I campi erano generalmente situati verso Torricella piuttosto che a Taverne a causa delle frequenti esondazioni del fiume Vedeggio. Via Comunale serviva quindi a portare il raccolto dai campi di Torricella a Taverne, dove poteva essere venduto, lavorato o esportato.

JPEG - 91.5 Kb
"Taverne", 13 dicembre 1949, Vincenzo Vicari

La seconda strada è Via Ponte Vecchio. Il nome fa riferimento ad un ponte storico sopra al Vedeggio, sul quale la strada corre e collega Taverne Paese a Via Cantonale. Al giorno d’oggi il ponte non è più “vecchio”, siccome è stato distrutto da un’alluvione nel 1951, ricostruito immediatamente dopo e modernizzato nel 2019. Via Ponte Vecchio è stata, fino all’arrivo della ferrovia, il principale metodo di trasporto commerciale. Il viadotto della cantonale non esisteva, perciò il traffico doveva per forza passare nel cuore del paese. È quindi da tenere a mente questa via era assolutamente necessaria per il commercio sull’asse nord-sud tra Milano e Zurigo, rivestendo quindi un ruolo indispensabile per il traffico cantonale di persone e merci. La leggera deviazione che la strada prendeva entrando nel cuore di Taverne garantiva a quest’ultimo un’importanza locale non irrilevante.
La terza strada si chiama Via Bicentenario, che dopo ad un incrocio vicino alle scuole elementari prende il nome di Via alle Scuole, ma si tratta sempre della stessa via. Questa strada porta invece verso sud, a Bedano. La strada era principalmente utilizzata per il traffico di persone o carichi di merci minori e per distanze più brevi.
C’è anche una quarta strada, Via Santa Maria Maddalena, in direzione nord-est, e passa attraverso il nucleo vecchio di Taverne, per poi congiungersi a Via alla Cava, la quale a sua volta di immette nella cantonale. Come già menzionato, fino a metà del secolo scorso per gli spostamenti nord-sud bisognava passare sia da Via Ponte Vecchio che da Via Santa Maddalena. A causa di ciò, nel nucleo di Taverne era presente un gran numero di osterie e taverne per i viaggatori stanchi. L’offerta di ristoro è intrinseca nella natura di Taverne, così tanto da aver dato il nome al paese. Oggi questa strada è aperta solo ai residenti del nucleo, che devono registrarsi per avere il permesso di circolazione.
Se consideriamo l’incrocio delle strade, è normale che sia Taverne Paese sia stata la prima zona dove si sono costruite nuove abitazioni al di fuori del nucleo Con le prime abitazioni aggiunte già nella prima metà del secolo scorso, dopo agli anni ’60 e il boom edile degli anni ’80 le abitazioni hanno iniziato a riempire ogni spazio edificabile. Per Via Ponte Vecchio ce n’erano già presenti di più antiche; perciò, le case furono costruite principalmente lungo Via Comunale e Via Bicentenario.

PNG - 147 Kb
"Vista aerea di Taverne", 1964, autore sconosciuto

A causa della sua enorme popolarità prima come snodo commerciale e poi come centro abitato, è stato importante offrire servizi vicini. La fermata dell’Autopostale di Taverne Paese fa parte del percorso di due linee, ossia la 444 (Torricella-Taverne-Bedano-(Gravesano-Manno)-Lamone) e la 453 (Lamone-Taverne-Sgirino-Mezzovico-Camignolo-Rivera). La fermata è di particolare importanza per chi deve arrivare alla stazione del treno di Taverne. A seconda della linea e del percorso, si possono raggiungere tutte le fermate di tutti i paesi del medio-alto Vedeggio, e arrivare a tutte le sue stazioni ferroviarie, il che pone un enorme potenziale di mobilità a coloro che si trovano a Taverne Paese.
Trovo importante notare che nonostante mi sa concentrato al traffico nord/sud discutendo delle strade di Taverne, dal comune parte anche una strada importante per raggiungere la Capriasca e quindi la Valcolla, permettendo anche il traffico est7ovest
Oltre alla fermata del bus, è presente un piccolo parco giochi e due bar vicinissimi tra loro. È presente anche la vecchia sede dell’ufficio postale, ora occupata da un’azienda elettrica. Ancor’oggi il crocevia viene chiamato “Piazzetta della Posta” o “Posta Vecchia” per questo motivo.
È quindi indubbio che Taverne Paese sia stato un luogo di estrema importanza storica, e una volta che l’attività commerciale si spostò altrove, le vie di comunicazione così comodamente organizzate hanno attirato le persone a stabilirsi in quel luogo, tanto che ci sono tre palazzi abitativi, uno dei solo due complessi di appartamenti a Taverne. La loro presenza indica sicuro la popolarità della zona. Con le persone arrivano i servizi come l’Autopostale, che qui particolarmente offre moltissime opzioni, trasformando quello snodo commerciale in una zona abitativa particolarmente ambita.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.

Iperpaesaggi è un concetto progettato e sviluppato dall'Institut d'Eco-Pédagogie e il Laboratoire de Méthodologie de la Géographie de l'ULg.
Sito realizzato da Robert Sebille.

You can choose your license or delete this article. It’s your choice.