Iperpaesaggi

Home > Risorse interne > Risorse Lavori di maturità 2021 > Risorse LM Martinelli Chiara > La descrizione geografica

La descrizione geografica

venerdì 10 settembre 2021, di Chiara Martinelli

Vorrei concentrarmi sulla descrizione del luogo dal punto di vista geografico.

Da come si può notare dalle diverse cartine, San Martino è quasi sempre stato il centro geografico della distesa pianeggiante chiamata Campagna Adorna, nella quale passa la ferrovia e nella quale convergono i tre assi stradali più importanti del Mendrisiotto: l’autostrada A2 che porta verso Nord costeggiando il lago Ceresio, per poi oltrepassare il Gottardo; i due assi che portano verso sud, ossia Varese e Como. Da come si può notare dalle cartine sottostanti, la pianura di San Martino si è profondamente trasformata con il passare del tempo. Infatti, le date prese in considerazione rappresentano dei momenti importanti, che hanno sconvolto l’assetto geografico della piana. Lo si può notare dalla cartina del 1947, in cui troviamo solamente la ferrovia, mentre trenta anni dopo viene costruita l’autostrada e risulta una maggiore edificazione. Infine, nel 1990 l’autostrada viene ampliata e viene aperta la superstrada per Stabio, in seguito si può notare la situazione densamente edificata dei giorni nostri (2015).

JPEG - 589.9 Kb
La situazione di Mendrisio nel dopoguerra
Data 1947
JPEG - 532.8 Kb
L’apertura dell’autostrada nel 1967
JPEG - 566.2 Kb
L’ampliamento dell’autostrada e la superstrada di Stabio
Data 1990
JPEG - 544.7 Kb
La situazione di Mendrisio nel 2015

Per descrivere brevemente gli assi stradali, si intende rispettivamente: la superstrada A24 che porta a Stabio, l’autostrada A2 e la strada cantonale che passa per Chiasso-Balerna-Mendrisio. In direzione Sud, i due collegamenti autostradali, dopo aver collegato i poli di Como da una parte e Varese dall’altra, convergono nella metropoli1 di Milano. In un contesto più ampio possiamo inserire la pianura di San Martino sull’asse Zurigo-Milano. Guardando nel dettaglio la situazione, come detto, la pianura di San Martino risulta essere al centro di questo intenso flusso di traffico e scambi, ma anche soggetta a mutamenti.

JPEG - 595.4 Kb
Schema a pentagono del Mendrisiotto
Si può notare a sinistra il Monte San Giorgio, mentre a destra il Monte Generoso. Al centro la città di Mendrisio (rettangolo rosso), mentre a sud le colline moreniche (rettangolo verde).

L’area del Mendrisiotto può essere schematizzata utilizzando la figura geometrica di un pentagono (da come si può notare dalla cartina sovrastante): i lati di questo pentagono immaginario rappresentano due delle montagne più famose: il Monte Generoso e il Monte San Giorgio. I massicci montuosi si restringono in prossimità del lago Ceresio, non lasciando sufficiente spazio per ulteriori costruzioni. Mentre più a Sud, a chiudere il pentagono, troviamo le colline moreniche2 (per esempio il Penz), formatesi dal ritiro dei ghiacciai. Esse si estendono lungo tutto il confine Sud ticinese dopodiché troviamo la Pianura Padana. Le colline moreniche risultano essere l’unico ostacolo morfologico prima della Pianura Padana. Da ciò deriva che le zone pianeggianti presenti nel Mendrisiotto non sono molte e non si estendono per molti chilometri, di conseguenza l’utilizzo del terreno è sottoposto in un’economia avanzata a forti pressioni. La zona di San Martino risulta essere altamente strategica, in quanto essa risulta essere al centro dello schema e dello snodo principale delle vie di comunicazione. Infatti, vi sono localizzati i centri commerciali e le industrie più importanti (Fox Town, Coop edile-hobby, Solis S.A, Sintetica S.A e molte altre).
Per quanto riguarda il primo aspetto, visto che è presente sia l’autostrada che la ferrovia, un maggiore numero di persone può recarsi in quest’area di Mendrisio e visitare i centri commerciali o recarsi al lavoro nelle molte industrie. A titolo informativo posso indicare che la popolazione delle tre province lombarde è di 4.736.633 abitanti. Nel dettaglio Como ha 599.204 abitanti (2019), Varese ha 890.768 abitanti (2019) e Milano ha 1,352 milioni di abitanti (2017)3. Il potenziale di manodopera frontaliero è molto elevato.
Dalla tabella sottostante si nota la percentuale di persone occupate in Ticino secondo la nazionalità.

PNG - 37.6 Kb
Tabella: addetti secondo la Nazionalità
Annuario statistico ticinese (2021), sezione lavoro e reddito (pag.92)

Secondo l’annuario statistico ticinese (2021) sono state attive nel 2019 112.600 persone di nazionalità svizzera, accanto ad esse troviamo 49.800 lavoratori stranieri e 65.600 lavoratori frontalieri4. Dalla tabella successiva si può vedere la situazione occupazionale nel comune di Mendrisio.

PNG - 29.8 Kb
Tabella: addetti a Mendrisio
Annuario statistico ticinese (2021), sezione schede comunali (pag.579)

Infatti, si può notare che il settore secondario occupa una percentuale di addetti importanti, rispetto alla media cantonale. Ciò conferma l’importanza della manodopera frontaliera nella regione.
Per quanto riguarda invece il secondo aspetto, essendo la pianura uno spazio pianeggiante vicino al centro e alla frontiera, vengono continuamente costruiti edifici o ampliati quelli già esistenti. Facendo ciò però lo sfruttamento e la pressione del suolo aumentano, procurando danni anche permanenti e irreversibili, oltre a diminuire il poco spazio rimasto all’agricoltura. Ma di ciò parlerò più avanti. Per dare una sorta di conclusione all’articolo, da un lato l’ingente flusso di traffico sia stradale (pendolari) sia ferroviario concentrato in un’unica zona, determina una certa centralità della regione. Dall’altro lato però possono nascere sia problemi ambientali, sia problemi legati alla salute della popolazione, ma anche di pianificazione territoriale. La rapida trasformazione dell’area negli ultimi decenni rappresenta un dato di fatto e una sfida futura.

Note:

1. Metropoli: La capitale, o in genere la città principale di uno stato, di una regione: la m. lombarda, Milano. Per analogia, città a cui sia riconosciuta una particolare preminenza: Roma, m. del mondo cattolico; Parigi è la m. del mondo artistico. Disponibile da https://www.treccani.it/vocabolario/ricerca/metropoli/
2. Morena: in geomorfologia, accumulo di frammenti rocciosi, sabbia e argilla, avente un certo sviluppo in altezza, in estensione e particolari localizzazioni, che viene trasportato da un ghiacciaio (m. mobile) o deposto dopo il suo scioglimento (m. deposta). Disponibile da https://www.treccani.it/enciclopedia/morena/
3. Informazioni disponibili da https://datacommons.org/place/nuts/ITC42?utm_medium=explore&mprop=count&popt=Person&hl=it e https://it.wikipedia.org/wiki/Citt%C3%A0_metropolitana_di_Milano
4. Annuario statistico ticinese 2021, sezione lavoro e reddito (pag.92).

Riguardo la zona sensibile commerciale:
L’area di San Martino: sviluppo urbanistico
La pianura di San Martino e la sua trasformazione edilizia

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.

Iperpaesaggi è un concetto progettato e sviluppato dall'Institut d'Eco-Pédagogie e il Laboratoire de Méthodologie de la Géographie de l'ULg.
Sito realizzato da Robert Sebille.

You can choose your license or delete this article. It’s your choice.