Iperpaesaggi

Home > Risorse interne > Risorse iperpaesaggio Alberto > Paesaggio d’acqua paesaggio del rischio? > Come nasce una previsione

Come nasce una previsione

martedì 11 giugno 2019, di Chiara, Nicole

Il 16 aprile 2019, ci siamo recati a Locarno-Monti per visitare la stazione di meteorologia. Durante la visita ci sono state fornite diverse informazioni sul rilevamento e l’allerta meteo. Inoltre ci è stato illustrato come avviene la realizzazione di una previsione.

Le previsioni sono un insieme di dati che vengono raccolti dagli esperti tramite appositi strumenti che in seguito vengono elaborati, al fine di diramare o meno un’allerta per la popolazione.
Per divulgare un avviso di pericolo efficace è necessario possedere una buona conoscenza del territorio e un’opportuna capacità d’interpretazione dei dati a disposizione.
Per la raccolta dei dati vengono effettuate delle misurazioni e osservazioni seguendo degli standard prefissati. Un esempio è la misura della temperatura la quale viene misurata ad un’altezza di 2 metri dal suolo.

Per effettuare queste misurazioni vengono impiegati:

  • dei radiosondaggi: una radiosonda con degli sturmenti di rilevazione appesi a un pallone che viene lasciato salire in atmosfera fino a 30/35 km di quota. Ogni secondo le misurazioni con la sonda vengono trasmesse alla stazione al suolo via radio;
  • dei satelliti meteorologici che rilevano nuvolosità e temperature;
  • dei modelli matematici che immaginano di stendere attorno al globo una griglia tridimensionale a più livelli. Ad ogni nodo delle maglie della griglia, viene associato un valore di temperatura, vento, pressione, umidità,…;
  • delle equazioni numeriche che devono essere risolte in brevissimo tempo dai previsori per fornire dati affidabili.

Nel nostro paese i radar che trasmettono i dati sono ubicati sull’Albis, vicino a Zurigo, su La Dôle, vicino a Ginevra e sul Monte Lema vicino a Lugano. Inoltre nel nostro distretto, il Mendrisiotto, esiste una stazione meteorologica a Stabio (zona Santa Margherita) che analizza i seguenti dati: temperatura (°C), precipitazioni (l/m2), durata di luce solare oraria (minuti), vento (km/h) direzione del vento, umidità relativa (%),…

I radar sono gli strumenti più efficaci per monitorare i temporali in quanto forniscono delle immagini in tempo reale della situazione in atmosfera (circa ogni 2 minuti e mezzo) che vengono successivamente monitorate dai meteorologi, per valutare l’intensità del fenomeno e prevederne il suo percorso. Il radar genera un segnale elettromagnetico emesso attraverso la sua antenna nell’atmosfera circostante. Il segnale interagisce con le idrometeore (la pioggia, la neve o la grandine), generando una debole retro diffusione (eco) che viene captata dall’antenna. I dati raccolti vengono indirizzati nel sistema elettronico-informatico per essere successivamente elaborati. L’intensità e il tempo di trasmissione dell’eco permette di stabilire la tipologia di precipitazione e la sua distanza.
I dati rilevati da questi radar sono importanti anche per l’aviazione.

JPEG - 103.8 Kb
Funzionamento di un radar

Le stazioni al suolo sono completamente automatizzate, infatti i diversi strumenti misurano fino a 20 parametri fisici ogni 5 minuti. I valori vengono trasmessi alla centrale di calcolo e già dopo 10 minuti sono a disposizione dei meteorologi.
I dati raccolti vengono poi analizzati e sottoposti a un controllo da parte del previsore e quelli meno affidabili o estremamente improbabili (per esempio una temperatura di 30°C in inverno, in Ticino), vengono eliminati. I dati mancanti vengono colmati tramite calcoli statistici.
La misurazione dei fattori climatici è continua, infatti c’è una sorveglianza da parte dei previsori 24 ore su 24, 7 giorni su 7.
In seguito vengono elaborati dei bollettini meteo generali o locali che vengono condivisi con la popolazione.
Inoltre le stazioni meteorologiche forniscono previsioni specifiche personali nel caso di un evento speciale, come per il festival del film di Locarno.

In conclusione si può affermare che le previsioni sono un aspetto molto importante nel ramo della meteorologia per la sicurezza del territorio e della popolazione.

PNG - 123.4 Kb
Fattori determinanti alla realizzazione di una previsione

Per ritornare alla panoramica

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.

Iperpaesaggi è un concetto progettato e sviluppato dall'Institut d'Eco-Pédagogie e il Laboratoire de Méthodologie de la Géographie de l'ULg.
Sito realizzato da Robert Sebille.

You can choose your license or delete this article. It’s your choice.