Iperpaesaggi

Home > Risorse interne > Risorse iperpaesaggio Alberto > Iperpaesaggio Zurigo > Skymetro

Skymetro

sabato 25 agosto 2018, di Alberto, Claudia, Nicoletta, Sandy

Lo skymetro, che si può anche chiamare Automated People Mover (trasportatore automatico di persone) dell’aeroporto di Zurigo, è stato aperto nel settembre del 2003, ma i lavori di costruzione erano già iniziati nel 2001. Nel 2009 è stato ristrutturato per consentire il trasporto separato dei passeggieri dello spazio Schengen da quelli che viaggiano per il resto del mondo, in accordo con le nuove norme di sicurezza. È costato 165 milioni di franchi, 90 milioni per i due tunnel.
Non è un mezzo di trasporto pubblico perché può essere usato solo dai clienti dell’aeroporto. Collega il Gate E all’Airside Center dell’aeroporto di Zurigo. Percorre una tratta di 1,138 km passando per due tunnel

separati posizionati sotto la pista 10/28 mettendoci due-tre minuti. La velocità massima che può raggiungere è quella di 48 km/h. Viene tirato da una fune e scivola sopra a un cuscinetto d’aria spesso 0,2 mm posto sopra a un pavimento di cemento liscio. Ha due o tre vagoni

che possono trasportare ognuno 112 persone. In un’ora lo skymetro è in grado di trasportare 4200 passeggieri passando ogni tre minuti.
È la funicolare con i prezzi di gestione più alti di tutta la Svizzera, ma è anche quella che può trasportare il maggior numero di persone e la più frequentata. Nel 2010 per esempio ha trasportato 6,73 milioni di passeggeri.
Sulle pareti dei due tunnel ci sono delle sequenze di immagini

che grazie alla velocità dello skymetro sembrano dei brevi filmati: una di queste rappresenta Heidi che saluta, un’altra rappresenta le montagne svizzere con il Cervino. Ad accompagnare le immagini si sente lo Jodel e l’inizio della melodia della canzone di Heidi.

Ritorno alla panoramica
Ritorno all’articolo "L’aeroporto di Zurigo"

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.

Iperpaesaggi è un concetto progettato e sviluppato dall'Institut d'Eco-Pédagogie e il Laboratoire de Méthodologie de la Géographie de l'ULg.
Sito realizzato da Robert Sebille.

You can choose your license or delete this article. It’s your choice.