Iperpaesaggi

Home > Risorse interne > Risorse iperpaesaggio Martin > Approfondimento su Castelgrande

Approfondimento su Castelgrande

sabato 20 maggio 2017, di Martin

Ecco un lavoro di ricerca e di approfondimento che abbiamo fatto su Castelgrande

Articolo di Aurora H., Serena T. e Tosca M.

"Il primo insediamento umano sulla collina di Castelgrande, attestato durante gli scavi dal 1984-1985, risale al 5500/5000 aC. (neolitico).
Su questo primo insediamento, nel IV secolo d. C. si costruì la prima fortificazione accertata archeologicamente (scavi del 1967). Anche vari documenti del VI secolo ricordano l’esistenza di una struttura fortificata. Nel XIV secolo il castello è per la prima volta chiamato Castrum Magnum, Castel Grande.
È il nome odierno, anche se durante l’occupazione svizzera venne chiamato d’Uri (1630) o di Altdorf, e nel 1818 Catello di S. Michele. Il complesso attualmente visibile risale nel suo insieme a varie epoche: ad un primo momento costruttivo, datato al XIII sec., si sovrappose una fase «milanese» (1473-1486), cui seguì un intervento di ripristino all’inizio del Seicento ed infine grandi interventi nell’Ottocento.
L’odierno aspetto è il risultato degli ultimi restauri (1984-1991), diretti dall’architetto Aurelio Galfetti."
Tratto da www.bellinzona.ch

Vista su Castelgrande. Fotografia: www.travellingbackflip.com

Sono impressionanti, per la loro imponenza anche la Torre detta Bianca (costruita fra il 1250 e il 1350) alta 27 metri e la Torre Nera (costruita attorno al 1310) alta 28 metri. Proprio dalla Torre Bianca è stata appunto scattata la foto panoramica a trecentosessanta gradi che si trova sulla schermata principale, suddivisa poi con le varie finestre.
Dalla Torre Bianca la vista che si ha sul nostro territorio è bellissima. Si può arrivare a Castelgrande salendo per ripidi viottoli, da piazza Collegiata, da piazza Nosetto o per una comoda strada partendo da via Orico. Dalla Piazzetta Della Valle (vicino alla Piazza del Sole) si può inoltre accedere al castello con un comodo ascensore.

Con l’aiuto del sito internet www.map.geo.admin.ch abbiamo provato a misurare l’area del Castelgrande che è risultata di circa di 16’440 metri quadrati, mentre il perimetro è di poco più di 490 metri.
Ecco un’immagine di quanto realizzato.

Castelgrande venne costruito su una collina in modo da dominare tutta la valle sia a nord che a sud, ma anche perché in questo modo gli occupanti potevano osservare tutti gli spostamenti nei dintorni e, se qualcuno aveva un’aria sospetta, anche per fermarlo. Per accedere alla città occorreva inoltre pagare dei pedaggi, alle porte d’entrata delle mura.

Al Castelgrande si tengono molti eventi durante tutto l’anno. A Natale, per esempio, c’è il presepe vivente, mentre a maggio si tiene "La spada nella rocca", una manifestazione in cui ci si comporta e ci si veste come nel Medioevo, con tante attività divertenti per tutta la famiglia (un tempo questo evento si faceva al Montebello, il secondo castello su tre di Bellinzona).
Questi sono solo alcune delle molteplici manifestazioni che si tengono al castello.

In questo castello c’è anche un ristorante che porta proprio il nome di Castelgrande e troviamo anche il grotto San Michele.

Puoi vedere un bel video di Castelgrande fatto con un drone cliccando qui.

Torna a "I castelli nel nostro paesaggio"

Torna alla panoramica

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.

Iperpaesaggi è un concetto progettato e sviluppato dall'Institut d'Eco-Pédagogie e il Laboratoire de Méthodologie de la Géographie de l'ULg.
Sito realizzato da Robert Sebille.

You can choose your license or delete this article. It’s your choice.