Iperpaesaggi

Home > Risorse interne > Risorse iperpaesaggio Sara > La morfologia di Bellinzona e la sua posizione geografica

La morfologia di Bellinzona e la sua posizione geografica

mercoledì 10 maggio 2017, di Jacopo R., Pierre B.

Ritorno alla panoramica

Perché la posizione geografica di Bellinzona è rilevante per l’asse Nord-Sud?

Perché la sua morfologia è ideale per farne un punto di controllo?

Bellinzona possiede una morfologia del tutto particolare, cosa che nel passato ha reso questa città un centro molto importante. A livello di geografia europea Bellinzona si situa in un punto estremamente centrale nell’asse nord-sud, questa città è infatti, arrivando da nord, il primo grande centro abitato dopo il valico del Gottardo, passaggio da sempre fondamentale per tutti gli scambi tra il nord e il sud delle alpi e, grazie a questa posizione strategica, ha ricoperto già dal medioevo una funzione importantissima nel commercio europeo, attirando quindi gli interessi di tutti i regni che hanno dominato al sud delle Alpi. A testimoniare questo ruolo di rilievo sono i tre castelli che ancora oggi sorgono in tutto il loro splendore sulla città.
Anche la morfologia della città in sè è molto particolare e ha permesso a questo borgo medioevale di ricoprire un importanza strategica nel passaggio nord-sud. Bellinzona si situa infatti dove la valle della Riviera si restringe per poi riaprirsi sul piano di Magadino. A rendere la città ancora più interessante, proprio nel punto di restringimento al centro del fondovalle, si erge una grande collina rocciosa, da un lato della quale nel passato scorreva, per tutta la larghezza tra la collina e la ripida montagna, il stagnante fiume Ticino.

JPEG - 74.9 Kb
Bellinzona 1850

Questa morfologia rese Bellinzona un punto obbligato per tutto il commercio senza vie alternative vicine percorribli con grandi carichi e, grazie a queste caratteristiche, il borgo si é distinto per essere un punto strategico di controllo commerciale e militare.
Anche oggi sono sotto gli occhi di tutti le opportunità che la nostra città può sfruttare grazie a questa posizione; a titolo di esempio la recente inaugurazione della nuova stazione ferroviaria, punto cardine del nuovo collegamento veloce su rotaia tra Zurigo e Milano, grazie alla quale Bellinzona, e con essa il sopraceneri e tutto il Ticino, spera di inserirsi come zona centrale di questo asse fondamentale per tutta l’Europa. All’inaugurazione della nuova stazione il ministro Claudio Zali ha ribadito l’importanza che Bellinzona ha grazie alla posizione strategica sull’asse del San Gottardo, confermata dall’apertura della nuova galleria di base. “La città di Bellinzona sarà la porta d’entrata di questa pionieristica opera, che ci avvicinerà al motore economico e al centro politico della Confederazione”.1
La localizzazione in un nodo di transito di persone e merci non è però solo un vantaggio.
Guardando al futuro infatti, secondo uno studio svolto dalla Sezione enti locali
del Dipartimento delle istituzioni ticinese sul Ticino nel 2020-25 denominato Esclusione e Metropolizzazione, il Ticino rischierebbe di perdere la sua funzione di intermediario di unione tra grandi città. La Svizzera italiana corre il rischio di essere limitata ad un semplice corridoio senza grande importanza, subendo invece un crescente inquinamento senza benefici economici.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.

Iperpaesaggi è un concetto progettato e sviluppato dall'Institut d'Eco-Pédagogie e il Laboratoire de Méthodologie de la Géographie de l'ULg.
Sito realizzato da Robert Sebille.

You can choose your license or delete this article. It’s your choice.