Iperpaesaggi

Home > Risorse interne > Risorse iperpaesaggio Alberto > L’inquinamento acustico nel corso della storia

L’inquinamento acustico nel corso della storia

martedì 30 maggio 2017, di Alessio Poloni, Michele Cereghetti

Ritorno alla panoramica
Ritorno all’articolo introduttivo

Quale è la storia del rumore?

L’inquinamento acustico nel corso della storia ha avuto intensità diverse ed il genere di rumore è cambiato. Possiamo dire che questo genere di inquinamento è cominciato con l’avvento di mezzi di trasporto quali automobili, aeroplani, e altri ma anche con l’avvento e lo sviluppo delle industrie e delle aree urbane. L’inquinamento fonico è anche spesso indicatore di altri generi di alterazioni ambientali quali l’inquinamento atmosferico, del suolo e molti altri. Dopo il secondo Dopoguerra il rumore è aumentato molto nelle zone industriali e in quelle molto trafficate, creando una situazione di disturbo generale. Ciò è dovuto dal fatto che in questo periodi si sono prodotti molti mezzi di trasporto (soprattutto privati) che hanno dato la possibilità a chiunque di potersi spostare sul territorio, aumentando di conseguenza l’inquinamento fonico nella regione.
Nel Mendrisiotto il rumore è causato principalmente dalle auto che attraversano la zona soprattutto in autostrada. La posizione dell’agglomerato di Chiasso-Mendrisio non favorisce la diminuzione di rumore in quanto ogni anno milioni di veicoli transitano questa regione di confine e quindi il traffico è molto elevato. Il rumore che viene prodotto invece dalla ferrovia è molto minore ma comunque presente. Ciò si può spiegare osservando come la maggior parte degli spostamenti nella regione del Mendrisiotto siano effettuati con i veicoli privati e non con i mezzi pubblici. Secondo le carte tratte dal sito https://map.geo.admin.ch/?topic=ech...

PNG - 1.5 Mb
Inquinamento fonico stradale diurno
PNG - 1.5 Mb
Inquinamento fonico stradale notturno
PNG - 1.4 Mb
Inquinamento fonico ferroviario diurno
PNG - 20.3 Kb
Legenda

possiamo renderci conto di come il rumore prodotto da veicoli su strada di giorno sia molto presente nel Mendrisiotto, interessando la maggior parte della regione, sia nelle zone prevalentemente pianeggianti come nei comuni di Mendrisio e Stabio, sia nelle zone montuose come la Valle di Muggio. L’inquinamento fonico diurno prodotto dalla ferrovia è molto minore ma comunque rimane percepibile anche a diversi chilometri di distanza dal luogo di emissione. Possiamo notare che non c’è uniformità nell’inquinamento prodotto dalle ferrovie a causa della diramazione del suono che può interessare l’intero piano mendrisiense. Sulla cartina si può anche notare una zona di smistamento tra il comune di Novazzano e quello di Chiasso che favorisce la produzione di rumore in quanto il Mendrisiotto è una zona di confine con l’Italia.
L’inquinamento fonico è anche così presente a causa della morfologia della regione. Infatti il rumore "rimbalza" sulla regione propagandosi in tutto il Mendrisiotto in quanto non vi sono grandi ostacoli che questo genere di inquinamento dovrà fronteggiare per propagarsi. Per far fronte a questo problema sono state approvate delle ordinanze per limitare la produzione di rumore.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.

Iperpaesaggi è un concetto progettato e sviluppato dall'Institut d'Eco-Pédagogie e il Laboratoire de Méthodologie de la Géographie de l'ULg.
Sito realizzato da Robert Sebille.

You can choose your license or delete this article. It’s your choice.