Iperpaesaggi

Home > Risorse interne > Risorse iperpaesaggio Stéphanie > Palace > Descriviamo il panorama e il Palace

Descriviamo il panorama e il Palace

lunedì 17 aprile 2017, di Stéphanie

In questa pagina Andrea, Angelo, Lorenzo, Ludovica e Sara ci descrivono la panoramica e i dettagli in essa visibili.

Primo piano

  • Sud: Guardando l’immagine da sinistra a destra vediamo due lingue di prato verde con in mezzo una strada pedonale, parallela alla strada per automobili, con i bordi di sassi quadrati, i Sampietrini. Nel prato di sinistra ci sono due pini marittimi e della vegetazione cespugliosa. Vi è una scatola elettrica grigia alta circa 1,5 metri, un palo che sembra essere di una barca a vela (anche se non la si vede) e un lampione con tre luci.
  • Ovest: Vi è una strada in asfalto affiancata da un marciapiede. C’è un semaforo per i pedoni, un altro per le auto in transito verso Cassarate e un terzo per il traffico verso Paradiso. Completano la strada sette strisce pedonali gialle, la segnaletica della fermata del bus e le strisce bianche dello stop e delle due carreggiate.
  • Nord: A sinistra vediamo il marciapiede con un lampione con tre luci, un cespuglio e accanto tre barche ormeggiate. Vediamo anche il lago di Lugano (Ceresio): è di un blu scuro all’ombra delle montagne ed è più chiaro quando non è coperto dall’ombra.
  • Est: Vediamo i pali del porto e subito dietro il lago, dove vi si riflettono le ombre delle montagne di fronte.

Secondo piano

  • Sud: Si vede una piccola parte di lingua di prato, un palo della luce grigio e una panchina bianca.
  • Ovest: Vediamo cinque gruppi da tre panchine l’uno, posizionate intorno a degli alberelli alti circa tre metri. Ci sono tre semafori su un unico palo (vedi descrizione precedente) e il semaforo per i pedoni è rosso. Vediamo inoltre la strada e, sullo sfondo, la zona pedonale in granito. Subito dopo c’è la piazza Bernardino Luini, dove si trova il LAC.
  • Nord: Vi è un palo dell’illuminazione stradale con un cestino della spazzatura cilindrico. Ci sono delle “baracche” di legno che sono usate come bar e un pontile di legno per ormeggiare.
  • Est: Vediamo un cigno bianco che nuota nel lago.

A mezza distanza

  • Sud: Posizionato sulla lingua di prato c’è un albero con la chioma verde e un cartellone pubblicitario.
  • Ovest: Vediamo quattro cartelloni pubblicitari e la fermata del bus, dove vi è la macchina dei biglietti e il cartellone dell’orario. Sulla sinistra c’è l’ex-hotel Palace dal color beige, che al piano terra ha dieci vetrine dall’altezza della strada a circa tre metri; ce ne sono altre due all’entrata del Palace, sopra di esse troviamo quattro statue, dette telamoni. Sopra questa fila di vetrine ci sono finestre e balconi, distribuiti in modo diverso da piano a piano e con decorazioni diverse attorno. Le finestre sono posizionate in quattro piani, e in ogni piano ne contiamo tredici. Al primo piano ci sono due balconi che occupano lo spazio di una finestra e uno che ne occupa tre, al secondo piano ci sono quattro balconi che occupano una finestra, al terzo piano ci sono cinque balconi che occupano una finestra e all’ultimo tre balconi che occupano tre finestre ognuno.
  • Nord: A sinistra c’è l’entrata della Chiesa degli Angioli, fatta di pietra e cemento. Ha un portone all’entrata, sopra il quale ci sono due finestre e nel sotto tetto una finestra rotonda. Alla sua destra vedo in lontananza il palazzo dell’hotel Internazionale, con all’altezza della strada delle vetrine e l’entrata del garage; sopra vi sono le finestre e i balconi con le loro tapparelle rosse. Qui si apre la via Nassa, che divide questo palazzo da un altro edificio, dove al piano terra ci sono delle vetrine di Louis Vuitton e sopra di esso ci sono quattro piani di finestre e balconi. Infine, vediamo la strada cantonale e due alberi a bordo lago.
  • Est: A mezza distanza vediamo il Monte Boglia, il Monte Brè e altre due montagne che però sono situate dall’altra parte del lago.

Sullo sfondo

  • Sud: C’è la montagna situata sopra Campione d’Italia, il monte San Salvatore e il cielo azzurro.
  • Ovest: Vediamo una parte del LAC, in particolare quella dove ci sono le mostre. Questa parte è composta da marmo verde e da marmo rosso. C’è anche una grande vetrata e sullo sfondo il cielo.
  • Nord: Vi è la cima di alcuni alberi e una la cupola all’angolo del palazzo dell’Hotel Internazionale.
  • Est: Vediamo il cielo azzurro e poche nuvole in lontananza.

Ritorna alla panoramica


Bibliografia:

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.

Iperpaesaggi è un concetto progettato e sviluppato dall'Institut d'Eco-Pédagogie e il Laboratoire de Méthodologie de la Géographie de l'ULg.
Sito realizzato da Robert Sebille.

You can choose your license or delete this article. It’s your choice.