Iperpaesaggi

Home > Risorse interne > Risorse iperpaesaggio Fabiana > Origini del nucleo storico

Origini del nucleo storico

mercoledì 15 febbraio 2017, di Alice Videira, Fabiana, Francesco Sena, Rachele Crivelli, Visar Amzaj

 Dalle origini al 1803

Partiamo per il nostro viaggio: la nascita di Bellinzona!
Bellinzona nasce nel Neolitico, sopra le rocce di Castelgrande. Pensate, il primo villaggio risale già al 5250 a.C.! I motivi per cui scelsero la roccia di Castelgrande furono:
- La roccia non era troppo alta e si poteva scendere facilmente.
- Sulla roccia c’era una fonte d’acqua fresca.
Dovettero salire sulla roccia, perché il piano era paludoso; infatti il fiume Ticino non era incanalato.
Passarono gli anni fino ad arrivare al 1200. Questa data per Bellinzona è molto importante, perché viene aperto il sentiero sul passo del San Gottardo e Bellinzona comincia a svilupparsi, diventando zona di transito tra il sud e il nord dell’Europa.
Nel 1340, Bellinzona viene conquistata dalla famiglia Visconti di Milano, per quasi due secoli.
Dal 1500 al 1803, cioè per ben 300 anni, il Ticino appartiene alla Svizzera Tedesca.

 Dal 1803 ai giorni nostri

Nel 1803 il Ticino finalmente diventa un cantone vero e indipendente.
Nel 1878 Bellinzona assume il ruolo di capitale, ma dal 1803 al 1878 quale città ospitava il governo?
Fino al 1878 la capitale del Ticino cambia tra Lugano, Locarno e Bellinzona.
Nel 1874 viene costruita la ferrovia, che porta sviluppo alla città. Nel 1900 Bellinzona arriva ad avere più di 10’000 abitanti.
Nel 2016 ne conta circa 18’000. Con gli abitanti dei comuni vicini che si uniscono, si potrebbe arrivare a circa 40’000-50’000 abitanti. Il nucleo di Bellinzona è circondato da molti edifici ed è una zona con molti bar e negozi.
Oggi ci sono talmente tanti edifici che non si distinguono più i vari comuni.
Il 2 aprile 2017 si elegge il nuovo Municipio e il nuovo Consiglio Comunale che governeranno la nuova città di Bellinzona, chiamata Nuova Bellinzona. 13 comuni vicini hanno deciso di fondersi in un’ unica grande città: Bellinzona, Camorino, Claro, Giubiasco, Gnosca, Gorduno, Gudo, Moleno, Monte Carasso, Pianezzo, Preonzo, Sant’ Antonino, Sementina.

Il nuovo comune conterà circa 42’000 abitanti e diventerà la dodicesima città svizzera (la più popolata è Zurigo con 1 milione di abitanti).

JPEG - 254.9 Kb

Nell’immagine si può vedere il corema del Canton Ticino con i due laghi: il lago di Lugano (Ceresio) e il lago di Locarno (Verbano). Ci sono anche le città più importanti per esempio Chiasso, Mendrisio, la grande Lugano, Locarno e anche la città di Bellinzona. Bellinzona è così grande perché, come detto sopra, nel 2017 si fonde con i vari comuni confinanti. Bellinzona però non è solo costruzioni, ma ha anche una grande superficie boschiva.
Prosegui verso la Chiesa Collegiata!

Abbiamo letto dei fogli tratti da:
www.bellinzona.ch
www.bellinzonaunesco.ch
https://map.geo.admin.ch
www.aggregazione.ch/
e il manuale La Svizzera nella storia, vol.1

Torna alla Panoramica

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi

Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.

Iperpaesaggi è un concetto progettato e sviluppato dall'Institut d'Eco-Pédagogie e il Laboratoire de Méthodologie de la Géographie de l'ULg.
Sito realizzato da Robert Sebille.

You can choose your license or delete this article. It’s your choice.